Menu
THE_WHITE_GALLERY_PAN_web.jpg




























Cerca nel sito:
News
Link
chips
Null
the white gallery

matteo attruia
alberto biasi
agostino bonalumi
marco casentini
paolo conti
marcello de angelis
luigi di tullio
domenico d’oora
ivano fabbri
matteo gironi
gigi guadagnucci
riccardo licata
giovanni lombardini
sandro martini
ben ormenese
sandi renko
jorrit tornquist


a cura di leonardo conti

Opening MARTEDì 28 giugno - domenica 9 ottobre 2016 (CONCLUSA)


La PoliArt Contemporary di Milano è lieta di annuciare THE WHITE GALLERY. In mostra diciassette opere bianche di alcuni tra gli artisti che rappresentano la storia quasi ventennale della galleria milanese. Per ognuno di loro il bianco, o le sue declinazioni, sono state talvolta il momento in cui confrontarsi con l’essenzialità della propria ricerca. È proprio questo il primo filo labile che lega in un unico percorso artisti spesso lontanissimi, sia artisticamente che biograficamente. Il secondo filo, tenace, è proprio la PoliArt Contemporary, che crede ed ha creduto (anche in anni non sospetti) nelle ricerche dei suoi artisti.
Le opere di The White Gallery:
L’ormai celebre neon “Beato te”, l’aureola di Matteo Attruia, rubata dall’antica pittura e resa reale nello spazio espositivo; una “Dinamica” di Alberto Biasi del 1984, in un serrato dialogo con “Bianco”, tela del 1989 di Agostino Bonalumi, per trovare il luogo in cui fendere lo spazio e il tempo in cui s’incarna la vita intorno; di Marco Casentini, sperimentatore “concreto”, una tela e perspex, in cui si svela in filigrana il retro della pittura; e poi il simulacro della forma, il suo ultimo (o primo?) apparire, oltre il velo sterminato del bianco, in una “Plaga” di Paolo Conti; in “Annunciazione” di Marcello De Angelis l’injection painting si staglia sullo spazio senza argini, in cui è sprofondata l’idea di monocromo; i riflessi poi inseguono l’onda più bianca, la luce di “Humus”, polita ceramica di Luigi Di Tullio; nell’opera di Domenico D’Oora emerge l’altra onda, quella della pittura, sugli stratificati capitoli della storia; Ivano Fabbri cerca il bianco sul filo dei tagli dell’acciaio, nell’affilato abbaglio che attraversa le sue opere; nelle “Emersioni” di Matteo Gironi, i bianchi scandiscono il ritmo in cui la forma/materia diviene esperienza luminosa; il bianco marmo di Gigi Guadagnucci è poi un innalzarsi bachiano, in cui la pietra e la luce segnano il ritmo della forma; nel “Graffiato bianco” di Riccardo Licata è l’ombra a incidere l’alta pasta, nell’altrove della scrittura; il bianco “Inventario”di Giovanni Lombardini è la soglia di un vuoto su cui affacciarsi per dimenticarsi e riconoscersi; le “Quantità” di Sandro Martini sono un fermarsi improvviso e transitorio, un volo altissimo agguantato e subito perduto, un visibile e un pensabile che indefinitamente si perdono e si ritrovano; nelle opere di Ben Ormenese degli anni Sessanta già la forma debordava, perché i confini del mondo sconfinavano nell’arte; il bianco di Sandi Renko è il primo e l’ultimo sguardo in cui un cubo smarrisce le proprie linee, per trovare le linee del divenire-cubo; per Jorrit Tornquist il bianco è anche la soglia, il luogo in cui passare di là o penetrare.


Paolo Conti
Ennio Finzi
Marcello De Angelis
Biasi | Bonalumi
Sandi Renko
Giuseppe Santomaso
Virgilio Guidi
The White Gallery
Natale Addamiano
Sandro Martini
Reinhold Kohl
Paolo Conti
Domenico D'Oora
Jorrit Tornquist
Matteo Gironi
Ivano Fabbri
Ben Ormenese
Marcello De Angelis
Oggettualia #1
Fernando Picenni
Carlo Colli
Sandi Renko
Giovanni Lombardini
Matteo Attruia
Paolo Conti
Marcello De Angelis
Alberto Mariani
Matteo Gironi
PoliArt LAB 2011
Arcangelo
Fausto De Nisco
Marco Casentini
Maggie Taylor
Roberto Floreani
Fernando Picenni
Afro
Alberto Biasi
Marcello De Angelis
Riccardo Licata
Bengt Lindström
Informativa Privacy | Privacy Policy
Informativa sui Cookie | Cookie Policy